Article Marketing Italiano

Inserisci comunicato stampa Gratis

Stalking, un reato in crescita

Ad alcuni sembrerà bizzarro apprendere dell’esistenza di individui che, per via di diversi motivi, adottano comportamenti vessatori in grado di provocare danni fisici, economici e sociali alla loro vittima, ossia i cosiddetti Stalker.
Si, lo stalker non è solo un pedinatore, qualcuno che insegue la sua vittima di nascosto, nell’ombra, dietro il reato di stalking c’è molto di più, e purtroppo di difficilmente sradicabile, lo sa bene ogni investigatore privato che si sia occupato di casi inerenti a tale problematica.

STALKING

Con la parola stalking (letteralmente, ‘fare la posta’) si identificano comportamenti reiterati di tipo persecutorio, messi in essere dal persecutore (stalker) nei confronti della sua vittima (stalkerata/o): si tratta di un insieme di condotte vessatorie quali: minacce, molestie di vario tipo ecc., perpetrati in maniera continuativa nel tempo, fino ad indurre la vittima ad una condizione di disagio psichico e fisico (sindrome del molestatore assillante).

Nella maggior parte dei casi, lo stalker è un ex partner che non riesce ad accettare la fine della relazione, altre volte invece  è un semplice conoscente, un collega o addirittura un estraneo che desidera stabilire con la vittima un qualche tipo di rapporto, generalmente di natura affettiva o sessuale.
possiamo distinguere cinque diverse tipologie di stalker:

L’ex partner vendicativo (o comunque individuo, conoscente, che vuole vendicarsi di qualche torto subito, o che crede di aver subito).
Il bisognoso di affetto (Si tratta di persone con le quali quasi sempre vi è un qualche legame, anche solo di amicizia. Presentano deficit affettivi e fragilità psico-emotiva che li convincono ad attribuire un’importanza eccessiva alle manifestazioni empatiche altrui: gentilezza, cortesia ecc).
Il corteggiatore (ancora una volta si tratta di persone con le quali, quasi sempre, vi è un legame o un vincolo di conoscenza. Inizialmente, questo stalker, pone in essere una persecuzione non troppo spinta, che può essere scambiata per un tentativo maldestro di corteggiamento).
Lo stalker “respinto” (quasi sempre un conoscente rifiutato, che aveva manifestato l’interesse ad intraprendere una relazione con la vittima).
Stalker predatore (il suo scopo primario è quasi esclusivamente quello di riuscire ad avere rapporti sessuali con la vittima).

Ogni stalker è un potenziale pericolo, e lo stalking è un atteggiamento da condannare, oltre che un reato da denunciare.
Quasi ogni agenzia investigativa che si rispetti, offre servizi adeguati e finalizzati non solo a provare il reato, ma anche a tutelare il più possibile la vittima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Segnala Sito Gratis | Segnala Azienda Gratis | Inserisci Azienda Gratis | Directory Gratis | Segnala Sito Gratis | Segnala Azienda Gratis | Inserisci Azienda Gratis | Directory Gratis | Article Marketing | Inserisci Articolo Gratis | Pubblica Articolo Gratis | Inserisci Comunicato Stampa Gratis