Article Marketing Italiano

Inserisci comunicato stampa Gratis

Spostamento presa elettrica: come si fa senza rompere il muro

A volte può capitare di dover modificare elementi della casa perché cambiano le esigenze rispetto a quelle che erano all’inizio. Ad esempio trasformare una cameretta che non si usa in uno studio può essere molto interessante.

Molto spesso però ci si trova di fronte alla necessità di fare interventi che sembrano piuttosto invasivi e che a volte possono scoraggiare chi non sa dove mettere le mani. È il caso per esempio dello spostamento delle prese elettriche.

elettricista Firenze

Spostare la presa senza rompere il muro

Non sempre le prese elettriche si trovano nella posizione migliore e molto spesso affidarti a prolunghe può essere sgradevole, soprattutto se queste continuano a starti fra i piedi. Molto meglio creare un piccolo pezzo di impianto elettrico in più, sempre rispettando la sicurezza.

Innanzitutto guarda se c’è un battiscopa mobile oppure uno fisso. Nel primo caso devi staccarlo dalla parete usando una piccola leva, come un cacciavite lungo tutto il percorso che va dalla presa originale al punto dove vuoi installare quella nuova. Se invece non è possibile spostare il battiscopa devi acquistare a scelta delle canaline di sicurezza in plastica per materiale elettrico oppure dei chiodini a morsetto per fissare il cavo alla parete.

Anche nel caso della prima soluzione, devi prevedere un piccolo tratto di cavo o canalina a vista per raggiungere la postazione della presa, a meno di non montarla attaccata al battiscopa fisso.

Spostamento della presa elettrica: come si effettua

Una volta individuata la nuova postazione si fanno i buchi a parete per montare in maniera stabile la scatola di derivazione dove mettere la presa nuova. Può bastare un avvitatore, ma è essenziale utilizzare i tasselli, perché altrimenti basta un urto per far uscire le viti dal muro.

Dopo aver eventualmente sganciato il battiscopa fissa la scatolina in plastica a parete e monta lo spezzone di cavo che va dalla nuova presa che puoi tenere già assemblata, rispettando sempre le posizioni del filo, cioè neutro e fase all’estremità e terra al centro. Stendi il cavo fino alla presa originale, cercando di fare il lavoro più preciso possibile, in modo tale da non doverlo poi regolare in seguito. Se usi le canaline o i chiodini vanno già fissato, mentre se lo passi dietro il battiscopa non è strettamente necessario, anche se è sempre consigliato.

Stacca la corrente generale ed apri la vecchia presa, intesta il cavo, perché non conviene tagliarlo prima di questa operazione. Eventualmente crea un piccolo scasso nel muro per far passare il cavo sotto la mascherina e mettilo se all’interno del tratto di guida. Se stai utilizzando una canalina chiusa, il cavo dovrà essere fatto passare prima. Con l’avvitatore a batteria fissa la canalina a parete assicurandoti che non ci siano cortocircuiti, se invece stai usando i chiodini puoi bloccare direttamente il cavo nel muro. Chiudi tutto e adesso sei pronto per usare la tua nuova presa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Segnala Sito Gratis | Segnala Azienda Gratis | Inserisci Azienda Gratis | Directory Gratis | Segnala Sito Gratis | Segnala Azienda Gratis | Inserisci Azienda Gratis | Directory Gratis | Article Marketing | Inserisci Articolo Gratis | Pubblica Articolo Gratis | Inserisci Comunicato Stampa Gratis