Article Marketing Italiano

Inserisci comunicato stampa Gratis

L’assegno di mantenimento

Il diritto dei coniugi economicamente più deboli e dei figli non autosufficienti a ricevere indennità di mantenimento è riscontrabile nelle varie disposizioni del diritto civile. Durante la separazione del matrimonio, questi diritti di separazione vengono gestiti in modo unificato. Quanto ai coniugi, i diritti al mantenimento sono stabiliti dagli articoli 143 e 156 del codice civile. L’articolo 147 e l’articolo 315 bis del codice civile sanciscono i diritti connessi dei bambini quindi in questi casi può servire l’auto di un Investigatore Privato Roma.

Cos’è l’assegno di mantenimento

L’assegno alimentare è un obbligo che i genitori devono adempiere per i propri figli, non per le prestazioni economiche e per i coniugi tra figli. Al momento della separazione, gli alimenti sono generalmente pagati dal coniuge del coniuge del bambino che non è il bambino, ma il coniuge finanziariamente più forte paga per il coniuge finanziariamente più debole. L’assegno alimentare non deve essere confuso con l’assegno di divorzio: l’assegno di divorzio è un’istituzione che protegge i coniugi economicamente più deboli in determinate circostanze dopo lo scioglimento degli effetti civili del matrimonio.

L’assegno di mantenimento dei figli minorenni e maggiorenni in sede di separazione e divorzio

Per i bambini, questo diritto è contenuto nell’articolo 147 del codice civile. Costruisci anche: “Ai sensi dell’articolo 315 bis, il matrimonio affida ad entrambi i coniugi l’obbligo di mantenere, guidare, educare e aiutare moralmente i figli nel rispetto, rispetto, rispetto delle capacità, delle tendenze naturali e dei desideri dei figli”. arte. L’articolo 315 bis del codice civile, intitolato “Diritti e doveri del bambino”, prevede:

I. I bambini hanno il diritto di rispettare le loro capacità, preferenze naturali e desideri con la cura, l’istruzione, l’educazione e l’assistenza morale dei loro genitori.

II. I bambini hanno il diritto di crescere in famiglia e mantenere relazioni significative con i parenti.

III. I minori di età inferiore ai dodici anni, se identificabili, possono essere ancora giovani e avere il diritto di essere ascoltati in tutte le questioni e procedure che lo riguardano.

IV. I bambini devono rispettare i genitori e devono contribuire al mantenimento della vita familiare in termini di capacità, materiali e reddito. ”

I presupposti: quando spetta l’assegno di mantenimento e quanto dura

Il figlio, quindi, ha il diritto di essere mantenuto dai genitori, finché non raggiunga l’autosufficienza economica. Di tale circostanza il giudice tiene conto nel parametrare l’assegno di mantenimento e per essere sicuro di quello che sta succedendo, affidarsi ad un’Agenzia Investigativa Roma potrebbe essere la soluzione.

I figli maggiorenni e minorenni

Pertanto, questa indennità dovrebbe essere sostenuta anche dai figli adulti fino a quando non saranno finanziariamente indipendenti e considereranno il loro processo di apprendimento. I genitori che sono obbligati a pagare l’assegno alimentare non potranno smettere di pagare l’assegno alimentare solo perché il figlio può trovare un lavoro. Recentemente è intervenuta la Suprema Corte d’Appello (sentenza civile 30.1.2019 n. 2735). Ha effettivamente governato “La mancata partecipazione tra genitori e figli a causa della decisione del bambino non significa che i genitori abbiano perso i loro obblighi di sostegno finanziario”. Pertanto, anche se quest’ultimo decide di non partecipare al mantenimento figli, quest’ultimo dovrà pagare.

 

Verdile Investigazioni | Investigatore privato a Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Segnala Sito Gratis | Segnala Azienda Gratis | Inserisci Azienda Gratis | Directory Gratis | Segnala Sito Gratis | Segnala Azienda Gratis | Inserisci Azienda Gratis | Directory Gratis | Article Marketing | Inserisci Articolo Gratis | Pubblica Articolo Gratis | Inserisci Comunicato Stampa Gratis