Article Marketing Italiano

Inserisci comunicato stampa Gratis

Disinfezione con ozono e purificatori d’aria a Firenze

Il recente bombardamento mediatico sulle disinfezioni e sanificazioni, con informazioni faziose o non contestate, è diventato il terreno fertile perfetto per l’emergere di una pletora di aziende e cosiddetti professionisti che approfittano della fretta, del bisogno e della disinformazione, per violare la Legge, mettendo in pericolo l’intera popolazione sottoposta ai loro supposti rimedi miracolosi.

Disinfestazione Firenze ha ricevuto innumerevoli richieste in merito all’utilizzo di generatori di ozono, depuratori d’aria e persino docce e irrigatori per le persone come soluzione ideale per prepararsi all’“escalation” del confinamento e al ritorno alla normale attività. Tra i servizi più richiesti senza dubbio la sanificazione a Firenze e provincia.

L’uso dell’ozono come disinfettante è noto per il suo grande potere ossidante. Questo gas si degrada nel momento in cui viene generato, trasformandosi nuovamente in ossigeno, senza lasciare alcun tipo di residuo. Il suo limite non è la sua capacità tecnica come agente biocida contro i microrganismi. Il suo problema è che, ad alte concentrazioni, quelle necessarie per essere efficaci, l’ozono è incompatibile con la vita. 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stabilito che quando la concentrazione di ozono nell’aria che si respira è superiore a 240 µg/m3 e si mantiene per più di otto ore, esiste un chiaro rischio per la salute: riduce notevolmente la funzione polmonare, infiamma le vie aeree ed esacerba l’asma, oltre a favorire le infezioni respiratorie.

L’ozono può essere mortale. È solo una questione di tempo. Le attrezzature esistenti sul mercato possono produrre da 3-5 gr/h (piccoli generatori per abbattere odori), fino a 40-70 gr/h nel caso di attrezzature medie per la disinfezione in spazi confinati. Anche la più piccola attrezzatura è in grado di generare tempestivamente un’atmosfera pericolosa.

Molti di questi computer possono essere utilizzati incustoditi, anche lasciandoli funzionare in modo permanente. Sebbene in determinate circostanze non eserciteranno nemmeno l’effetto biocida desiderato perché non lavorano nelle condizioni volumetriche per le quali sono progettati, d’altro canto possono generare gas in concentrazioni sufficienti a produrre effetti nocivi sulle persone esposte a loro in modo permanente.

Questo caso si verifica, ad esempio, quando un piccolo generatore di ozono viene installato in un ufficio con la falsa tranquillità di mantenere i locali permanentemente disinfettati e, a causa delle sue dimensioni, non è sufficiente per raggiungere 0,1-0,2 mg/L min consigliato dall’OMS come efficace per il controllo dei microrganismi, ma che comunque supera la soglia di esposizione pericolosa per i dipendenti che rimangono 8 ore al giorno nei locali. Il suo utilizzo deve essere sempre effettuato in assenza di persone e da tecnici qualificati di disporre dei mezzi per misurare l’ozono residuo prima di consentire l’accesso ai locali trattati. Non bisogna perdere di vista il fatto che l’ozono generato in situ, utilizzato come disinfettante, è considerato un prodotto biocida e quindi la sua applicazione e il suo utilizzo devono essere effettuati da società professionali iscritte al Registro Ufficiale degli Enti e Servizi di Biocidi. L’immediatezza non esiste.

Né i purificatori d’aria con filtri HEPA o a carboni attivi garantiscono l’assoluta igiene dell’aria nei luoghi frequentati dalle persone. Come per la filtrazione degli edifici, non ci sono prove cliniche dirette del beneficio dei filtri dell’aria portatili nel ridurre il rischio di malattie infettive, ma un beneficio può essere ragionevolmente dedotto per una dimensione adeguata (ad es. di filtri HEPA portatili. Tuttavia, questi benefici scompaiono rapidamente quando la manutenzione del filtro non è adeguata, poiché allora questi sistemi di filtrazione, nel migliore dei casi, smetteranno di funzionare, ma nel peggiore dei casi possono diventare siti di infezione concentrata .

Chi desidera una doccia diluita con candeggina prima di entrare nel proprio posto di lavoro? Nessuno dovrebbe porsi questa domanda. Tuttavia, sta diventando popolare anche l’uso di spray su qualsiasi oggetto, comprese le persone, con soluzioni disinfettanti di concentrazione e composizione sconosciute. La cosa peggiore di questa “soluzione ideale” è che, se la persona che si sottopone a questa celere procedura è già contagiata dal Coronavirus, la doccia disinfettante non avrà alcun effetto: continuerà a diffondere il virus per aerosol nel proprio ambiente di lavoro. Si tratta quindi di una misura che fornisce un falso senso di sicurezza, che possono invitarci a rilassare altre misure molto più efficaci come la protezione delle vie respiratorie o il distanziamento sociale, e che possono anche causare problemi di irritazione alle mucose, reazioni e macchie ipoallergeniche e invecchiamento precoce di indumenti e altri materiali.

La nostra raccomandazione, come azienda esperta in salute ambientale, è che, prima di installare o acquisire una soluzione “miracolosa”, almeno confrontare le informazioni che ti offrono con un professionista della disinfestazione debitamente accreditato dal Ministero della Salute, che ti consiglierà sulla migliore alternativa e proporrà la soluzione più efficace e meno costosa per mantenere le vostre strutture libere da questa nuova minaccia del 21° secolo: la disinformazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Segnala Sito Gratis | Segnala Azienda Gratis | Inserisci Azienda Gratis | Directory Gratis | Segnala Sito Gratis | Segnala Azienda Gratis | Inserisci Azienda Gratis | Directory Gratis | Article Marketing | Inserisci Articolo Gratis | Pubblica Articolo Gratis | Inserisci Comunicato Stampa Gratis