Inserisci articolo Article Marketing

Inserisci comunicato stampa Gratis

Debito pubblico, la crisi del 2008 non ha insegnato nulla a molti Governi

La crisi del 2008 non sembra avere insegnato granché in merito ai conti pubblici. Un decennio dopo la grande crisi del debito pubblico, non solo il problema non è stato ridotto ma è addirittura aumentato. Soltanto pochi paesi sono stati virtuosi, altri invece hanno ripreso a perseverare nei loro sbagli.

Il problema del debito pubblico

debito pubblicoAnzitutto va spiegato come si genera il debito pubblico, perché a molti fa strano che proprio i paesi più ricchi (che in teoria non dovrebbero aver debiti) siano proprio quelli che “giocano” con i loro conti in modo più forte. Il debito pubblico è la differenza negativa del money flow (ovvero flusso di cassa) tra entrate e le uscite dello Stato. Le prime sono generate dalle tasse, le seconde dalle spese per assistenza sanitaria, istruzione, infrastrutture, etc. etc. Chi governa i paesi ricchi sfrutta proprio la sua solidità economica per prendere prestiti a costo ridotto. Infatti in questo modo può finanziare la maggiore spesa pubblica senza aumentare le tasse. E quindi senza intaccare il proprio consenso politico.

Nei paesi poveri il meccanismo è lo stesso, ma con due grossissime varianti. La prima è che gli interessi pagati sul debito (essendo paesi poveri e meno solidi) sono più elevati. La seconda è che in molte di queste nazioni la popolazione sta invecchiando, per cui pensioni e spesa sanitaria sono in costante aumento. Quindi occorre prendere in prestito sempre più risorse, che a loro volta costano sempre di più in termini di interessi. In questi paesi il debito pubblico quindi non è una condizione eccezionale, una tantum, ma si parla di deficit strutturale.

I dati OCSE e FMI

L’elevato livello di debito pubblico è stata una delle cause della crisi del 2008. Eppure, secondo i dati OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) ed FMI (Fondo Monetario Internazionale), lo scenario non è affatto migliorato, anzi. Anche se l’indicatore RSI evidenzia una crescita a ritmo più lento, il debito sovrano è pur sempre cresciuto. A salvare molti paesi è il fatto che dopo la crisi, molte banche centrali hanno abbassato – se non addirittura azzerato o portato sotto zero – i propri livelli dei tassi d’interesse. Soltanto pochi paesi però hanno capito che questa occasione andava colta subito, e sono riusciti a riportare la propria traiettoria del debito su un percorso sostenibile. Moli altri paesi invece hanno continuato ad aumentare gli oneri del debito. E non sono paeselli qualunque, perché nella lista ci sono anche Stati Uniti, Francia, Spagna, Italia, Australia.

Tra i paesi più indebitati al mondo, la classifica è guidata dal Giappone (238% di debito/pil). seguono Grecia (188%), Sudan (168%), Venezuela (159%), Libano (150%) e poi l’Italia (130%). Quando il costo dei tassi peggiorerà (ovvero le banche centrali cominceranno ad aumentare i tassi di interesse), c’è chi rischia davvero grosso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Segnala Sito Gratis | Segnala Azienda Gratis | Inserisci Azienda Gratis | Directory Gratis | Segnala Sito Gratis | Segnala Azienda Gratis | Inserisci Azienda Gratis | Directory Gratis | Article Marketing | Inserisci Articolo Gratis | Pubblica Articolo Gratis | Inserisci Comunicato Stampa Gratis