Article Marketing Italiano

Inserisci comunicato stampa Gratis

Come realizzare un impianto elettrico vintage

Ormai siamo nell’epoca della casa intelligente e della domotica. La tecnologia rivoluziona sempre di più il nostro quotidiano e anche il materiale elettrico è sempre più avanzato ed evoluto, dai lampadari ai punti luce.  Nonostante questo, il materiale elettrico di una volta è ancora utile e molto ricercato. Riesce ancora a garantire sicurezza e affidabilità. Il materiale elettrico vintage, adatto soprattutto a case in montagna o al mare, ti può tornare utile sia per ragioni economiche sia per ragioni semplicemente estetiche.

Quindi se sei un appassionato di materiale elettrico antico e vorresti realizzare un impianto elettrico vintage, in totale sicurezza, questo articolo fa al caso tuo. In queste poche righe, realizzate con l’aiuto di ditte che offrono un servizio di riparazioni elettriche, verrà illustrato quali vantaggi comporta la realizzazione di un impianto vintage, quali sono le applicazioni migliori da installare e qualche consiglio progettuale.

 

Impianto elettrico vintage: vantaggi

Come già detto, realizzare un impianto elettrico vintage porta ad una riduzione dei costi che derivano dall’assistenza muraria, cioè chiusura e apertura delle tracce o la ripresa dell’intonaco. Inoltre, un impianto di questo tipo ti permette, soprattutto in una casa antica, di conservare le mura antiche, le decorazioni e i suoi rivestimenti.

Un vantaggio importante è quello della versatilità. Un impianto vintage può essere rimosso o modificato senza lasciare tracce su muri o pavimenti.

L’impatto visivo di materiali vintage per la realizzazione dell’impianto sono piacevoli alla vista, mentre le canaline realizzate in PVC non lo sono. Gli accessori vintage regaleranno alla tua casa un aspetto antico, piacevole ed elegante.

 

Impianto elettrico vintage: le applicazioni migliori

Un impianto elettrico vintage è perfetto in case in cui si possono trovare finiture d’epoca, come vetrate liberty, pavimenti in cementine e stucchi a vista. Potrai optare quindi per un arredamento Art Déco, stile antico, retrò ed elegante.

Inoltre, potresti realizzare un impianto elettrico vintage in una casa con camino, pavimenti in cotto, travi in legno a vista, decorazioni e affreschi. Se vuoi investire in qualche rudere abbandonato, un impianto simile è adatto per fabbriche abbandonate o grandi loft residenziali.

 

Impianto elettrico vintage: due tipologie

Quando ci si presta a realizzare un impianto elettrico vintage bisogna sapere che ne esistono ben due tipi.

Il primo è in stile anni trenta, quindi dovrai istallare interruttori a manopola, levetta in cotto, i cavi elettrici dovranno essere esterni e a treccia, rivestiti con del tessuto. La seconda tipologia, invece, riguarda l’archeologia industriale, in cui le canaline sono costituite da tubi di rame sottili, gli interruttori sono nascosti all’interno di scatole molto piccole e si noteranno delle componenti totalmente in metallo di forma squadrata e severa.

 

Consigli d’arredo per un impianto elettrico vintage

Se scegli di realizzare un impianto vintage dovrai avere l’accortezza di mimetizzarlo con la scelta di cavi della stessa tinta delle pareti oppure creare contrasto.

Cerca di scegliere una soluzione di poco impatto, utilizzando colori neutri ed eleganti. Se deciderai di adottare uno stile industriale potrai optare ad esempio per dei cavi metallizzati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Segnala Sito Gratis | Segnala Azienda Gratis | Inserisci Azienda Gratis | Directory Gratis | Segnala Sito Gratis | Segnala Azienda Gratis | Inserisci Azienda Gratis | Directory Gratis | Article Marketing | Inserisci Articolo Gratis | Pubblica Articolo Gratis | Inserisci Comunicato Stampa Gratis