Article Marketing Italiano

Inserisci comunicato stampa Gratis

Come Arredare un Soggiorno in Stile Moderno

Gli spazi che viviamo dicono molto della nostra personalità e delle nostre abitudini. Se siamo in un periodo di cambiamento vogliamo che anche le cose intorno a noi cambino.

Non necessariamente dobbiamo stravolgere l’arredamento di tutta la casa ma potremmo pensare di cambiare solo alcuni pezzi o di focalizzarci su un unico ambiente.

Il soggiorno è sicuramente l’ambiente più semplice da modificare ed è anche quello che più spesso modifichiamo anche solo con un cambio di disposizione.

Il concetto di soggiorno è mutato nel tempo, ad oggi possiamo dire che è lo spazio della casa più vissuto anche per la sua caratteristica polifunzionalità.

Sì, perché il soggiorno rappresenta sia la zona relax della nostra casa, dove ci rilassiamo alla fine di una lunga giornata fuori casa, dove guardiamo film, ascoltiamo musica e leggiamo libri, ma rappresenta anche la zona “pubblica” della casa, il posto in cui accogliamo le persone e dove godiamo della compagnia degli amici.

Questo spazio finisce per essere un po’ come l’abito che si indossa per un primo appuntamento, aiuta noi ad esprimere la nostra personalità e guida le persone nel farsi una prima impressione di noi.

Ognuno di noi ha le sue idee su come arredare un soggiorno, ma escludendo i propri gusti personali ci sono delle regole da seguire per rendere questo spazio funzionale e confortevole.

Arredare un soggiorno in stile moderno è sicuramente la scelta più versatile, il suo stile riesce a coniugare funzionalità ed estetica.

Si presta, più che altri stili, ad un facile cambio di disposizione grazie alla sua struttura componibile e versatile.

Lo stile moderno strizza l’occhio al minimal con ambienti puliti ed essenziali, i pezzi che compongono l’arredamento sono pochi e ben studiati. Per non sbagliare basta puntare sulla regola del less is more.

Prima di decidere come arredare il nostro soggiorno bisognerà scegliere il colore delle pareti, colore che ci servirà come base per costruire la scala cromatica dell’arredamento.

Per le pareti meglio scegliere un colore neutro, rivestendone solo una con un colore o un materiale a contrasto.

C’è una vasta gamma di rivestimenti tra cui scegliere: pietra, ceramica e la mai intramontabile carta da parati che ad oggi è possibile trovare in tantissime declinazioni anche di design.

Ma come scegliere invece i mobili per soggiorno moderni?

L’arredamento moderno predilige linee essenziali e decise, pochi pezzi arredano lo spazio in modo funzionale ed elegante.

Per arredare un soggiorno in stile moderno i pezzi che non devono assolutamente mancare sono: un divano, un tavolino basso e una parete attrezzata.

Il divano è senza dubbio il protagonista dell’area living, quelli dallo stile moderno si distinguono per le linee morbide, i volumi proporzionati e le sedute molto larghe, preferibilmente in tessuto. Se l’ambiente che avete a disposizione è limitato meglio scegliere un divano a due posti, se invece lo spazio che avete a disposizione è esteso allora potrete optare anche per un divano angolare. I divani oggi sono spesso componibili permettendovi di personalizzare le sedute. Potrete scegliere sedute con schienali reclinabili oppure optare per la chaise longue per rendere il vostro divano una vera oasi di relax.

Il tavolino è l’elemento focale del soggiorno, dato anche il suo posizionamento centrale all’ambiente. La sua altezza deve essere leggermente più bassa della seduta del divano per permettervi di prendere o posare agilmente oggetti sul tavolo. Per quanto riguarda i materiali potrete scegliere tra abbinamenti di vetro o plexiglass e metallo o interamente in legno, preferibilmente con una finitura naturale.

Le pareti attrezzate moderne sono composte da moduli separati che potrete posizionare a seconda delle vostre esigenze per rendere questo mobile un un pezzo unico.

Potrete decidere di creare moduli più piccoli o più grandi a seconda di quante zone d’appoggio volete creare, oppure optare per una parete attrezzata con moduli indipendenti da disporre anche in modo asimmetrico.

A questi pezzi basici potrete aggiungere anche altri pezzi di arredo (poltrone, pouf, librerie) in base alle vostre esigenze e allo spazio a disposizione.

Il colore degli arredi deve essere bianco, nero o legno naturale. Anche per tendaggi e tappeti è preferibile restare su cromie neutre.

Il rischio di banalizzare questo stile è però molto alto, quindi il consiglio è di personalizzare l’arredamento con qualche elemento.

Un’idea potrebbe essere quella di inserire un unico pezzo d’arredamento dal colore acceso e in netto contrasto con la cromia di base della stanza, ad esempio una poltrona o un pouf dai colori vividi, oppure più semplicemente creare un contrasto con i tessuti dei cuscini, scegliendo delle stampe grafiche.

Per dare alla stanza un ulteriore tocco di personalità si potrebbe puntare sul contrasto di stile, inserendo un pezzo vintage recuperato dalla soffitta della nonna o in qualche mercatino vintage.

Se con questi dettagli l’ambiente non vi sembra ancora abbastanza personalizzato, potete decidere di affidarvi all’inserimento di quadri e stampe per ravvivare le pareti e rendere unico il vostro ambiente.

Gli spazi che viviamo dicono molto della nostra personalità e delle nostre abitudini. Se siamo in un periodo di cambiamento vogliamo che anche le cose intorno a noi cambino.

Non necessariamente dobbiamo stravolgere l’arredamento di tutta la casa ma potremmo pensare di cambiare solo alcuni pezzi o di focalizzarci su un unico ambiente.

Il soggiorno è sicuramente l’ambiente più semplice da modificare ed è anche quello che più spesso modifichiamo anche solo con un cambio di disposizione.

Il concetto di soggiorno è mutato nel tempo, ad oggi possiamo dire che è lo spazio della casa più vissuto anche per la sua caratteristica polifunzionalità.

Sì, perché il soggiorno rappresenta sia la zona relax della nostra casa, dove ci rilassiamo alla fine di una lunga giornata fuori casa, dove guardiamo film, ascoltiamo musica e leggiamo libri, ma rappresenta anche la zona “pubblica” della casa, il posto in cui accogliamo le persone e dove godiamo della compagnia degli amici.

Questo spazio finisce per essere un po’ come l’abito che si indossa per un primo appuntamento, aiuta noi ad esprimere la nostra personalità e guida le persone nel farsi una prima impressione di noi.

Ognuno di noi ha le sue idee su come arredare un soggiorno, ma escludendo i propri gusti personali ci sono delle regole da seguire per rendere questo spazio funzionale e confortevole.

Arredare un soggiorno in stile moderno è sicuramente la scelta più versatile, il suo stile riesce a coniugare funzionalità ed estetica.

Si presta, più che altri stili, ad un facile cambio di disposizione grazie alla sua struttura componibile e versatile.

Lo stile moderno strizza l’occhio al minimal con ambienti puliti ed essenziali, i pezzi che compongono l’arredamento sono pochi e ben studiati. Per non sbagliare basta puntare sulla regola del less is more.

Prima di decidere come arredare il nostro soggiorno bisognerà scegliere il colore delle pareti, colore che ci servirà come base per costruire la scala cromatica dell’arredamento.

Per le pareti meglio scegliere un colore neutro, rivestendone solo una con un colore o un materiale a contrasto.

C’è una vasta gamma di rivestimenti tra cui scegliere: pietra, ceramica e la mai intramontabile carta da parati che ad oggi è possibile trovare in tantissime declinazioni anche di design.

Ma come scegliere invece i mobili per soggiorno moderni?

A volte potrete avere una consulenza come successo a me con La Maison Mobili Soggiorno Moderni Torino, ma di base l’arredamento moderno predilige linee essenziali e decise, pochi pezzi arredano lo spazio in modo funzionale ed elegante.

Per arredare un soggiorno in stile moderno i pezzi che non devono assolutamente mancare sono: un divano, un tavolino basso e una parete attrezzata.

Il divano è senza dubbio il protagonista dell’area living, quelli dallo stile moderno si distinguono per le linee morbide, i volumi proporzionati e le sedute molto larghe, preferibilmente in tessuto. Se l’ambiente che avete a disposizione è limitato meglio scegliere un divano a due posti, se invece lo spazio che avete a disposizione è esteso allora potrete optare anche per un divano angolare. I divani oggi sono spesso componibili permettendovi di personalizzare le sedute. Potrete scegliere sedute con schienali reclinabili oppure optare per la chaise longue per rendere il vostro divano una vera oasi di relax.

Il tavolino è l’elemento focale del soggiorno, dato anche il suo posizionamento centrale all’ambiente. La sua altezza deve essere leggermente più bassa della seduta del divano per permettervi di prendere o posare agilmente oggetti sul tavolo. Per quanto riguarda i materiali potrete scegliere tra abbinamenti di vetro o plexiglass e metallo o interamente in legno, preferibilmente con una finitura naturale.

Le pareti attrezzate moderne sono composte da moduli separati che potrete posizionare a seconda delle vostre esigenze per rendere questo mobile un un pezzo unico.

Potrete decidere di creare moduli più piccoli o più grandi a seconda di quante zone d’appoggio volete creare, oppure optare per una parete attrezzata con moduli indipendenti da disporre anche in modo asimmetrico.

A questi pezzi basici potrete aggiungere anche altri pezzi di arredo (poltrone, pouf, librerie) in base alle vostre esigenze e allo spazio a disposizione.

Il colore degli arredi deve essere bianco, nero o legno naturale. Anche per tendaggi e tappeti è preferibile restare su cromie neutre.

Il rischio di banalizzare questo stile è però molto alto, quindi il consiglio è di personalizzare l’arredamento con qualche elemento.

Un’idea potrebbe essere quella di inserire un unico pezzo d’arredamento dal colore acceso e in netto contrasto con la cromia di base della stanza, ad esempio una poltrona o un pouf dai colori vividi, oppure più semplicemente creare un contrasto con i tessuti dei cuscini, scegliendo delle stampe grafiche.

Per dare alla stanza un ulteriore tocco di personalità si potrebbe puntare sul contrasto di stile, inserendo un pezzo vintage recuperato dalla soffitta della nonna o in qualche mercatino vintage.

Se con questi dettagli l’ambiente non vi sembra ancora abbastanza personalizzato, potete decidere di affidarvi all’inserimento di quadri e stampe per ravvivare le pareti e rendere unico il vostro ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Segnala Sito Gratis | Segnala Azienda Gratis | Inserisci Azienda Gratis | Directory Gratis | Segnala Sito Gratis | Segnala Azienda Gratis | Inserisci Azienda Gratis | Directory Gratis | Article Marketing | Inserisci Articolo Gratis | Pubblica Articolo Gratis | Inserisci Comunicato Stampa Gratis