Article Marketing Italiano

Inserisci comunicato stampa Gratis

Canadasys | Sito di riferimento in Italia per il Canada

Arjan van Dam è arrivato in Canada nel 2017 con un permesso di lavoro con sua moglie e i suoi figli per aiutare il suo datore di lavoro olandese, un fornitore di attrezzature agricole, ad aprire un negozio. Gli piaceva il paese. In quattro anni, la famiglia del 33enne è cresciuta, da due figli a cinque, compresi i gemelli nati quest’anno.

Ma il sistema di immigrazione canadese non è stato valutato a suo favore. La sua età, la mancanza di istruzione post-secondaria e la conoscenza della lingua inglese media hanno reso la qualificazione per la residenza permanente una sfida, ha affermato il suo avvocato con sede a Toronto, Barbara Jo Caruso.

Il Canada vuole più immigrati – 401.000 quest’anno, per l’esattezza – e non permette che i controlli alle frontiere della pandemia si intromettano. Ciò significa alcuni nuovi programmi, compresi quelli che concedono lo status di residenza a persone già nel paese e in lavori che potrebbero non essere stati precedentemente qualificati.

Canadasys e l’assistenza per il Canada

Il Canada è da tempo una destinazione per l’immigrazione economica. Ma la riorganizzazione delle sue politiche riflette cambiamenti più ampi a livello globale mentre i paesi sono scossi dalle ricadute di una pandemia globale che ha profondamente interrotto il movimento e la migrazione. Canadasys oggi mette a disposizione il suo Team di Consulenti indipendenti per assistere le persone che vogliono Trasferirsi in Canada.

Dagli studenti cinesi che sognavano di studiare negli Stati Uniti ai lavoratori migranti nel Golfo Persico, la chiusura delle frontiere a causa della pandemia, i divieti di volo e il ridimensionamento dei servizi di visto hanno provocato sconvolgimenti senza precedenti al flusso di lavoratori, studenti e migranti regolari e irregolari attraverso le frontiere .

“L’immigrazione si inserisce in modo molto prominente nei piani che abbiamo per accelerare la nostra ripresa economica”, ha detto al Washington Post Marco Mendicino, ministro dell’immigrazione canadese, “oltre a continuare a rafforzare la prosperità a lungo termine del Canada“.

L’obiettivo generale di queste nuove iniziative e i maggiori obiettivi di immigrazione del Canada sono stati generalmente ben accolti. Alcuni analisti, tuttavia, hanno sollevato dubbi, anche sul fatto che avrebbero potuto essere progettati meglio, escludere troppe persone vulnerabili o essere fattibili dati i tempi di elaborazione e gli arretrati.

Prima della pandemia, la popolazione canadese stava crescendo a un ritmo mai visto da decenni, superando le altre nazioni industrializzate del Gruppo dei Sette. La migrazione internazionale è stata la ragione principale, ha affermato Statistics Canada, che ha rappresentato l’ 86 percento della crescita della popolazione nel 2019 . Quell’anno, il Canada ha accettato 341.175 residenti permanenti, rispetto ai 271.840 del 2015.

Poi è arrivato il virus. Nel 2020, il numero di residenti permanenti è sceso di quasi la metà a 184.595, ben al di sotto dell’obiettivo di 341.000 del primo ministro Justin Trudeau e un potenziale grattacapo per un paese che da tempo fa affidamento sull‘immigrazione per compensare gli impatti dei bassi tassi di natalità e dell’invecchiamento della popolazione la sua forza lavoro e le finanze pubbliche.

Altre informazioni raccolte da Canadasys

La crescita della popolazione negli Stati Uniti nel decennio fino al 2020 è rallentata al tasso più basso dalla Grande Depressione, secondo i dati diffusi ad aprile dall’US Census Bureau, in parte legato alla diminuzione dei tassi di fertilità e al rallentamento dell’immigrazione.

Gli Stati Uniti, con quasi 10 volte la popolazione del Canada, hanno concesso lo status di residente permanente a 707.362 persone nel 2020, in calo del 31% rispetto a 1.031.765 nel 2019, secondo i dati del governo degli Stati Uniti.

Dal 2010, l’ immigrazione è diminuita, guidata dalla crisi economica all’inizio del decennio e dalle restrizioni del governo sotto l’amministrazione Trump.

“L’immigrazione sta diventando sempre più la principale, se non l’unica, fonte di crescita della forza lavoro” in Canada mentre i baby boomer vanno in pensione, ha affermato Andrew Agopsowicz, economista senior presso la Royal Bank of Canada.

Per colmare il deficit nel 2020, il governo canadese in ottobre ha annunciato obiettivi di immigrazione ancora più elevati. Spera di accogliere 401.000 residenti permanenti nel 2021, rispetto al precedente obiettivo di 351.000. Tale obiettivo aumenterebbe di 10.000 nel 2022 e di nuovo nel 2023.

Marian Campbell Jarvis, assistente viceministro dell’immigrazione, ha dichiarato a una commissione parlamentare a maggio che il governo si aspettava che le restrizioni alle frontiere sarebbero presto allentate, consentendo al paese di ammettere residenti permanenti dall’estero. Ma la morsa della pandemia si è rafforzata. Quindi il Canada doveva diventare “creativo”, ha detto Jarvis.

Il Canada aveva già invitato più di 27.000 persone a richiedere la residenza permanente nell’ambito di un flusso del suo programma di “ingresso rapido” per immigrati economici qualificati con una recente esperienza per lavorare in Canada, oltre cinque volte il record precedente.

Il programma utilizza un sistema a punti per valutare i candidati in base a criteri quali età, istruzione ed esperienza lavorativa. Negli ultimi anni, il punteggio minimo necessario per qualificarsi per un invito è stato ben più di 400 punti, secondo i dati del governo. Per quel particolare round, a febbraio, 75 punti hanno superato l’asticella.

“È decisamente senza precedenti”, ha affermato Andrew Carvajal, un avvocato specializzato in immigrazione con sede a Toronto. “Il numero di inviti che abbiamo visto quest’anno, quanto sono andati bassi i punteggi… sono molto interessanti e molto diversi”.

Poi, a maggio, il governo ha aperto un nuovo programma: un percorso temporaneo verso la residenza permanente per 90.000 persone già in Canada con status temporaneo. Includono 40.000 studenti internazionali neolaureati, 20.000 operatori sanitari e 30.000 persone in altri lavori “essenziali” come cassieri, bidelli e macellai.

Puoi trovare ulteriori informazioni sul Canada e tanti altri articoli informativi in Italiano direttamente su Canadasys.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Segnala Sito Gratis | Segnala Azienda Gratis | Inserisci Azienda Gratis | Directory Gratis | Segnala Sito Gratis | Segnala Azienda Gratis | Inserisci Azienda Gratis | Directory Gratis | Article Marketing | Inserisci Articolo Gratis | Pubblica Articolo Gratis | Inserisci Comunicato Stampa Gratis